Affrontare le sfide sociali con un approccio interdisciplinare

Le Accademie svizzere delle scienze e la Segreteria di stato per la formazione, l’innovazione e la ricerca hanno sottoscritto la convenzione sulle prestazioni 2021–24 per un importo di 196,6 milioni di franchi. Al centro dell’attenzione vi sono le sfide sociali come lo sviluppo sostenibile, Food 4.0 e i sistemi sanitari, temi che possono essere affrontate con un approccio interdisciplinare grazie a una rete di oltre 100'000 persone (nell’ambito del sistema di milizia).

Convention de prestations
Immagine: Akademien der Wissenschaften Schweiz

Quale contributo può fornire la ricerca all'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibili? Questa domanda chiave dell'iniziativa di ricerca sullo sviluppo sostenibile delle Accademie collega settori svariati come il clima, l'energia, la nutrizione, la digitalizzazione fino ai sistemi sanitari sostenibili. Le interfacce di una collaborazione tra tutte le discipline scientifiche daranno vita a progetti su temi come Food 4.0, l'economia circolare, la smart medicine o l'invecchiamento della società. «Con una rete di oltre 100 000 persone e un centro di competenza per il dialogo, i membri dell’associazione delle Accademie possono elaborare opzioni di interventi per affrontare le sfide sociali da diverse prospettive», commenta Marcel Tanner, presidente delle Accademie svizzere delle scienze.

Nell’attuazione sono coinvolte 154 società affiliate e specializzate, 132 commissioni, gruppi di lavoro e commissioni di vigilanza nonché 29 società cantonali e regionali. Istituzioni come la Società Svizzera di Fisica, la Società Svizzera di Musicologia, la Swiss Snow, Ice and Permafrost Society o la Società svizzera di geomatica e di gestione del territorio costituiscono la spina dorsale della comunità scientifica in Svizzera. I vari attori partecipano anche al dialogo con la popolazione e offrono consulenze al mondo politico. Per il mandato di base di questa rete scientifica, la più grande della Svizzera, sono stati stanziati in quattro anni 100,6 milioni di franchi svizzeri.

Coinvolgere la società e promuovere i giovani scienziati

La pandemia ha dimostrato che molte sfide possono essere risolte soltanto insieme alla società civile. Con la Citizen Science Initiative, le Accademie promuovono la co-creazione del sapere tra scienza e società. Per questo motivo nel periodo 2021–24 si potenzierà il centro di competenza Science et Cité nel suo mandato di dialogo. Il Parlamento ha anche fornito un sostegno speciale alla creazione della Giovane Accademia Svizzera, una piattaforma interdisciplinare delle Accademie che, attraverso progetti comuni, offre ai giovani ricercatori l'opportunità di realizzare le loro idee e gestire autonomamente i loro progetti all’inizio della loro carriera scientifica.

Progetti scientifici a lungo termine e compiti speciali

Con 95,9 milioni di franchi, quasi la metà dei fondi per gli anni 2021–24 saranno destinati a progetti a lungo termine (43,2 mio.) e a compiti supplementari straordinari (52,6 mio.). Soprattutto nell’era della digitalizzazione e delle fake news, i sistemi d’informazione scientifica come i Vocabolari nazionali, il Dizionario storico della Svizzera, i Documenti diplomatici svizzeri o i segretariati di coordinamento internazionali rivestono particolare importanza.

L’iniziativa nazionale di promozione «Swiss Personalized Health Network» mira alla creazione di infrastrutture per l’utilizzo a livello nazionale dei dati clinici a scopo di ricerca con l’obiettivo di migliorare ulteriormente la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle malattie. Il mandato MINT incoraggia l’istituzione di programmi per bambini e ragazzi nelle discipline della matematica, dell’informatica, delle scienze naturali e della tecnologia. Nell'ambito della digitalizzazione delle collezioni di scienze naturali di tutta la Svizzera, gli esemplari di flora e fauna e i campioni geologici sono messi a disposizione della ricerca scientifica in conformità a standard internazionali.

Avvio rafforzato nella pianificazione strategica 2025–28

Per una volta, l'attuazione della convenzione sulle prestazioni 2021–24 coincide con l’avvio della pianificazione 2025–28. Da una recente valutazione esterna è emerso che, sul piano gestionale, le Accademie realizzano un enorme lavoro con risorse limitate. Occorre rafforzare ulteriormente la collaborazione in modo da poter affrontare insieme le grandi sfide sociali. Forti di questa convinzione, nell’aprile 2021 le Accademie hanno avviato il processo di pianificazione strategica 2025–28.

Categorie

Contatto

Claudia Appenzeller
Accademie svizzere delle scienze
Casa delle Accademie
Casella postale
3001 Berna

E-mail